Favole e Racconti per Ragazzi – Ho fatto un sogno

Caro diario,
ieri ho festeggiato il mio tredicesimo compleanno.
Ho invitato i miei compagni di classe ed ho trascorso con loro un pomeriggio divertente.
Con l’aiuto di mia sorella Gianna ho preparato alcuni giochi e la mamma ha organizzato la merenda per tutti.
Oltre alla torta con le candeline non sono mancati i regali e mi sono sentita veramente contenta.
Io e i miei amici abbiamo fatto suonare le nostre musiche preferite e abbiamo ballato tutti insieme divertendoci un sacco.
Poi a sera tutto è finito.
Peccato che i momenti belli finiscano presto…
Sono andata a dormire stanca, ma felice.
E ho fatto un sogno.
Ho sognato che la scuola era già finita, che ero in vacanza al mare e correvo sulla spiaggia.
C’erano tutti: la mamma, Gianna, papà e anche Marco, quel ragazzino della III E che mi piace tanto.
Nel sogno io e lui prima passeggiavamo sulla spiaggia, poi sorseggiavamo una Coca Cola freschissima sotto la veranda del Bagno Marilù dove vado ogni anno con i miei familiari.
Che emozione…
Mi sono sentita grande.
Quando mi sono svegliata stamani, per la prima volta ho pensato a me come sarò da adulta.
Chissà come sarà veramente la mia vita…
Vedo la nonna che è una persona anziana e che dice di avere avuto una vita lunga.
Si ricorda tanti avvenimenti della sua infanzia e della sua giovinezza e me li racconta, così che mi sembra che sia facile ricordare ciò che è passato, ma difficile pensare al futuro.
Certo, anch’io ho i miei desideri : vorrei imparare a suonare bene il violino, vorrei visitare tante città e nazioni, vorrei conoscere tante lingue straniere per capire sempre tutti quando parlano e vorrei studiare medicina come papà che fa un lavoro utile per chi ne ha bisogno.
Soprattutto vorrei che Marco mi guardasse con gli occhi dolci e non con quello sguardo da marziano che ha sempre quando lo incontro al mattino prima di entrare a scuola.
Vorrei che mi dicesse: “Ciao, Marta! Che piacere vederti!”.
E non: “Rossi, hai studiato oggi? Guarda che la prof. Tinelli ti massacra se non sai la lezione!”.
Ma cosa gliene importa?
Io studio sempre.
Sono piuttosto brava e a scuola me la cavo abbastanza bene.
Chissà perché i maschi sono così antipatici anche quando ti piacciono…
Nel mio sogno, però, Marco era carino e simpaticissimo.
Forse è stato solo un sogno, ma non è detto che anche nella realtà non possa cambiare modo di fare e diventare gentilissimo.
Speriamo…

 

Condizioni di uso.
Il materiale del sito può essere visionato in linea o scaricato, ma è proprietà di Anna Maria Folchini Stabile e non può essere utilizzato da altri per scopi commerciali, pubblicato su riviste o inserito in cd-rom senza la previa autorizzazione della proprietaria Anna Maria Folchini Stabile.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *